L’Italia e le scommesse sportive: dati, identikit del giocatore medio e tricks.

scommesse sportive online sul calcioLe scommesse sportive in Italia valgono circa 8 miliardi di € all’anno, 3,6 miliardi solo online: di questi, circa il 90% provengono dal calcio. Le scommesse sportive sul calcio, quindi, portano all’Erario dello Stato una somma notevole, e ovviamente gli scommettitori sperano che parte della spesa rientri nelle loro tasche.
Nel corso degli ultimi anni, così come mostrato da una ricerca dell’Università di Tor Vergata di Roma, il numero degli scommettitori è costantemente aumentato. L’identikit di chi è dedito alle scommesse sportive calcio parla di giovani compresi nella fascia di età fra i 20 e i 25 anni; si parla per la maggior parte di studenti che, proprio in virtù del fatto che hanno maggiore tempo libero, possono dedicarsi di più alla pianificazione delle scommesse sportive.

In realtà, lo studio evidenzia anche come i giovani giocatori appartengano in larga misura a studenti che si occupano di economia, anche per la maggiore praticità nell’elaborazione di statistiche e schemi.
Si, perché scommettere in modo “consapevole” significa pianificare bene ogni giocata, creando dei veri e propri metodi che consentano di sfruttare le probabilità a nostro favore.

Molti appassionati di calcio scommesse, infatti, trascorrono il proprio tempo studiando dati, formule, variazioni di quota, grafici, utili al fine di crearsi un proprio metodo che tenga conto di tutti questi fattori, aiutandoli a “pronosticare” i risultati delle partite.

Una volta studiato un metodo che aiuti a pronosticare gli esiti delle scommesse sportive sul calcio, è importante non lasciarsi condizionare dai “sentimenti”: se il metodo elaborato dice che la nostra squadra del cuore perderà, dovremo scommettere in questo senso.
Chi elabora un proprio metodo lo fa basandosi su tutte le variabili possibili o scegliendo quelle che, secondo lui (o lei, perché anche le scommettitrici sono in aumento) sono le più rappresentative o le più adatte al caso: c’è ad esempio chi basa le proprie previsioni esclusivamente sui corsi e ricorsi storici, chi utilizza metodi statistici, chi si basa sulle variazioni di quota, chi incrocia tutti i dati possibili. L’importante, una volta stabilita la metodologia da seguire, è confrontare i dati ottenuti con un archivio storico che sia il più esteso possibile.

Chiaramente, per fare previsioni esistono anche dei “trucchi” che si impara a valutare con il tempo: nel mondo del calcio, se una squadra perde un incontro importante, molto probabilmente lavorerà più duramente per cercare di vincere la partita successiva; una squadra che subisce goal cercherà di potenziare la difesa, una squadra che non segna, si adopererà per migliorare l’attacco e sarà quindi possibile scommettere in tali direzioni nelle giocate successive.
Chiaramente, nessun metodo garantisce la riuscita della giocata, né per quanto riguarda le scommesse sportive di calcio, né per alcun altro tipo di scommessa.

Lascia un commento