Il bosone di Higgs esiste davvero

bosone di higgsI ricercatori del Cern di Ginevra sono stati colti da stupore e fierezza quando Fabiola Giannotti di Atalas e l’americano Joe Incandela di CMS hanno esposto loro i rispettivi esperimenti circa la “cattura” del famoso bosone di Higgs. La conferenza stampa è stata trasmessa via web e ha tenuti incollati agli schermi tutti gli scienziati della comunità scientifica internazionale. Due risultati provenienti da altrettante ricerche hanno portato a dei valori molto vicini, con una certezza statistica pari a 5 sigma, cioè quasi al 100%.

Era il 1964 quando il fisico britannico Peter Higgs aveva previsto teoricamente la presenza del bosone. Per la sua caccia venne costruito e inaugurato, nel settembre 2008, il Large Hadron Collider, un superacceleratore  capace di far scontrare nuvole di miliardi di protoni a una velocità di 14 TeV (teraelectron volt) e ricreare le stesse condizioni dell’Universo una frazione di secondo la sua nascita. All’epoca tutto ciò creò un po’ di scompiglio nella comunità internazionale, ma le ricerche proseguirono senza sosta.

Il bosone di Higgs è una particella che garantisce la massa a tutte la altre particelle subatomiche della materia, della quale anche noi siamo formati. È una sorta di collante che tiene insieme l’Universo e tutto ciò che lo popola. Di importanza fondamentale per la conoscenza dell’Universo, ha aperto un nuovo modo di fare e studiare la fisica, nonché di conoscere la natura, in quanto le sue caratteristiche sono un po’ diverse rispetto a come la scienza se l’era immaginato. Dopo cinquant’anni di ricerche i due studiosi sono riusciti ad arrivare a delle conclusioni concrete, anche grazie ad un team di tremila scienziati, tra cui moltissimi italiani.

Avg free per aziende, soluzioni gratuite per software antivirus

Avg è un’azienda leader nel settore della protezione informatica. L’azienda AVG nasce nel 1991 con lo scopo di salvaguardare gli utenti e i loro dati mediante l’utilizzo di software e soluzioni informatiche all’avanguardia. Oggi, dopo anni di successi, AVG ricopre una posizione di leadership nel mercato mondiale, annoverando tra i propri dipendenti numerosi esperti nel settore della produzione di software per il rilevamento dei rischi e la prevenzione dei virus informatici e diverse soluzioni antivirus adatte ad ogni esigenza di aziende e privati.

L’utilizzo dei software antivirus AVG, infatti, preserva l’integrità dell’azienda e dei partner aziendali assicurando che tutti i dati vengano mantenuti privati e che tutte le transazioni in linea vengano condotte nella più completa sicurezza.

(altro…)

Paura di volare? C’è un app che risolve il problema

paura di volareLe persone che soffrono di ansia e paura di volare sono tantissime: circa un italiano su due rinuncerebbe a un viaggio oltreoceano pur di non rimanere ore e ore seduto in aereo. Nessun calmante, nessun sonnifero e nessuna scusa riescono a far passare la paura.

In realtà esistono diversi tipi di paura di volare: un po’ di agitazione prima della partenza è quasi normale soprattutto se è il primo volo o il primo viaggio. In questo caso basterà distrarsi magari leggendo un libro o ascoltando della musica. Quando, invece, la paura diventa patologica e il solo pensiero di salire su un aereo provoca attacchi di ansia, tachicardia, sudorazione e mal di testa, allora diventa una vera e propria fobia.

A tal proposito è nata un’applicazione per Iphone e Android realizzata dalla olandese Valk Foundation e dal gruppo di lavoro di Palermo “Paura di Volare? No Problem!”, diretto dalla psicologa Maria Teresa Triscari. Ci sono voluti 23 anni per mettere a punto questo sistema innovativo per combattere la paura di volare

L’applicazione, appena presentata,  fornisce informazioni sull’aerodinamica, la sicurezza, le turbolenze, i suoni e le sensazioni che si avvertono durante il decollo, l’atterraggio e la fase di crociera. Inoltre contiene degli esercizi pratici di rilassamento, per ridurre gli attacchi di ansia. Nel caso in cui, invece, l’ansia dovesse aumentare durante il volo, l’applicazione da la possibilità, tramite un pulsante, di mettersi in contatto con un terapeuta e svolgere insieme degli esercizi di rilassamento.

Nonostante l’aereo sia uno dei mezzi di trasporto più sicuri, ci sono ancora moltissime persone che non ne sono convinte: il 14% non ha mai preso l’aereo, il 6,5%, una volta preso, decide di non prenderlo più e il 10% vola solo se costretto. Questa potrebbe essere una valida soluzione a tutti gli appassionati di viaggi che però hanno paura di volare.